Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo

Menu
Sei in: Home / Notizie / Progetti

Sistema museale del Sinis – Terra di Mont’e Prama

Il Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo, la Regione Sardegna e il Comune di Cabras hanno sottoscritto un Accordo di valorizzazione per migliorare la gestione, la fruizione e la promozione del Complesso scultoreo e sito archeologico di Mont’e Prama e dei luoghi della cultura del Comune di Cabras.

Entrano così a far parte del nuovo “Sistema di valorizzazione integrata territoriale del Sinis – Terra di Mont’e Prama” anche l’area archeologica di Tharros, la Torre di San Giovanni, l’ipogeo di San Salvatore, il tempio fenicio di Capo San Marco, la necropoli di San Giovanni e dello Spiaggione, i resti dell’Acquedotto Romano e il nuraghe Baboe Cabitza.

Firma Accordo di Cabras- Il ministro Dario Franceschini, il sindaco Cristiano Carrus e il governatore Francesco Pigliaru

Il ministro Dario Franceschini, il sindaco Cristiano Carrus e il governatore Francesco Pigliaru

L’accordo firmato il 19 luglio 2017 dal ministro Dario Franceschini, dal sindaco Cristiano Carrus e dal governatore Francesco Pigliaru, rappresenta il primo passo di un percorso che porterà alla nascita di una Fondazione e alla realizzazione di un piano strategico di sviluppo turistico-culturale per la gestione dei beni culturali, musei e aree archeologiche del territorio di Cabras.

Giganti di Mont'e Prama

Giganti di Mont’e Prama, Museo archeologico nazionale di Cagliari

La necropoli di Mont’e Prama, scoperta casualmente nel marzo del 1974, risale alla società nuragica della Prima età del Ferro. Il restauro dell’intero complesso statuario rinvenuto nell’area ha consentito di individuare in tutto 28 statue maschili, di cui 16 pugilatori, 6 arcieri, 6 guerrieri, e 16 modellini di nuraghe.

Dal 2014 l’esposizione temporanea dei Giganti di Mont’e Prama è ospitata da: