Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo

Menu
Sei in: Home / Risorse

Moduli, documenti, materiali informativi. Consultali e scaricali qui.

Come fare per

  • Per ricevere in prestito beni mobili appartenenti allo Stato o sottoposti a tutela statale per mostre ed esposizioni sul territorio nazionale o all’estero è necessario inviare la propria richiesta di autorizzazione al MiBACT almeno 4 mesi prima dell’inizio della manifestazione.

    L’autorizzazione viene rilasciata dai Direttori dei Poli museali regionali o dai Direttori degli Istituti dotati di autonomia speciale secondo procedure e modalità stabiliti con decreto ministeriale, e la Direzione generale Musei rilascia un parere in merito all’autorizzazione al prestito.

    È necessario distinguere il caso di beni afferenti ai Poli regionali da quello dei beni afferenti a un Museo dotato di autonomia speciale.

    Nel caso di bene afferente a un Polo Museale Regionale, l’autorizzazione per il prestito è in capo al Direttore del singolo Polo regionale (sentite, per i prestiti in Italia, le Soprintendenze competenti, per quelli all’estero, anche la Direzione generale Musei).

    Se invece il bene appartiene a un Museo autonomo, l’atto autorizzativo per il prestito delle opere d’arte, è in capo al Direttore del Museo (sentite la Direzione Generale competente per materia in caso di prestiti per esposizioni temporanee sul territorio nazionale o la Direzione generale Musei se si tratta di esposizioni temporanee all’estero).

    Approfondimenti

  • Acquisti a trattativa privata

    Chiunque intenda offrire in vendita allo Stato cose di sua proprietà deve rivolgere domanda al Ministero, Direzione generale Musei, Servizio I, per il tramite dell’Istituto cui è rivolta l’offerta.

    La Direzione generale Musei adotta quindi provvedimenti sentiti i direttori  generali competenti per materia,  e  previo parere del competente Comitato tecnico-scientifico.

    Approfondimenti

    Donazioni

    Le donazioni sono i beni culturali che vengono offerti in dono al Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo per essere destinati alla fruizione dell’utenza. Il decreto di delega per la stipula del contratto viene emesso dal Direttore generale Musei, e suddetto contratto di acquisizione è esente dall’imposta di donazione.

    Nel caso di donazione di un bene culturale di modico valore al Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo, il donante deve presentare una dichiarazione in cui attesta il valore modico del bene anche in relazione al proprio patrimonio. Il Servizio I “Collezioni museali” della Direzione Generale Musei ha a tal fine predisposto un modello di dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà, ai sensi e per gli effetti dell’art. 47 del Decreto del Presidente della Repubblica n. 445/2000, che il donante dovrà rendere nell’ipotesi descritta.

    Approfondimenti

    Comodati

    L’istituto del comodato d’uso si applica a beni culturali di particolare pregio o che rappresentino significative integrazioni delle collezioni di opere già presenti nella medesima sede espositiva al fine di consentirne la fruizione pubblica.

    I beni in comodato devono essere protetti da idonea copertura assicurativa, e a essi la Direzione applica la procedura per quanto attiene la concessione della garanzia di Stato.

    Sentiti i competenti organi consultivi, la Direzione generale Musei stabilisce criteri e linee guida per la ricezione in comodato o in deposito presso istituti e luoghi della cultura, di beni mobili di proprietà privata o appartenenti a enti pubblici. Fornisce inoltre, a richiesta, il necessario supporto tecnico-amministrativo per la predisposizione dei relativi atti.

    Approfondimenti

  • La Garanzia di Stato sostituisce l’assicurazione privata sui beni culturali dei quali sia stata autorizzata la partecipazione a mostre o esposizioni sul territorio nazionale o all’estero.

    Il suo rilascio “è subordinato all’assicurazione delle cose e dei beni da parte del richiedente, per il valore indicato nella domanda, previa verifica della sua congruità da parte del Ministero” (Codice dei beni culturali e del paesaggio, articolo 48, comma 4). Come spiegato nel comma successivo dello stesso Codice, la Direzione generale Musei, Servizio I, delibera l’assunzione in capo al Ministero dei rischi cui i beni sono esposti: “Per le mostre e le manifestazioni sul territorio nazionale promosse dal Ministero o, con la partecipazione statale, da enti o istituti pubblici, l’assicurazione prevista al comma 4 può essere sostituita dall’assunzione dei relativi rischi da parte dello Stato. La garanzia statale è rilasciata secondo le procedure, le modalità e alle condizioni stabilite con decreto ministeriale, sentito il Ministero dell’economia e delle finanze. Ai corrispondenti oneri si provvede mediante utilizzazione delle risorse disponibili nell’ambito del fondo di riserva per le spese obbligatorie e d’ordine istituito nello stato di previsione della spesa del Ministero dell’economia e delle finanze”.

    Approfondimenti

  • Ai fini dell’applicazione delle agevolazioni previste dalla normativa fiscale, gli organizzatori di mostre o esposizioni di beni culturali e di ogni altra iniziativa a carattere culturale possono richiedere al Direttore generale Musei (Servizio I) una dichiarazione di rilevante interesse culturale o scientifico per l’evento.

    Una volta interrogata la Direzione generale competente per materia, la dichiarazione viene rilasciata tramite decreto.

    Approfondimenti

Download

  • Pubblicazioni

    Il museo in ascolto. Nuove strategie di comunicazione per i musei statali. Quaderni della Valorizzazione, Rubbettino Editore (Roma, 2012)

    Scarica »
  • Pubblicazioni

    Un marchio per la valorizzazione dei territori di eccellenza: dai siti UNESCO ai luoghi italiani della cultura, dell’arte e del paesaggio. Quaderni della Valorizzazione NS 3

    Scarica »
  • Pubblicazioni

    Il monitoraggio e la valutazione dei pubblici dei musei. Gli Osservatori dei musei nell’esperienza internazionale. Quaderni della valorizzazione NS2

    Scarica »
  • Documenti

    Accordo attuativo tra MiBACT, MIUR, ANCI e Associazione Nazionale Musei Scientifici (2016)

    Scarica »
  • Pubblicazioni

    Linee guida per la comunicazione nei musei: segnaletica interna, didascalie e pannelli. Quaderni della valorizzazione NS1

    Scarica »
  • Documenti

    Travel Appeal | Index Musei. Analisi sulla reputazione online di 20 Musei statali, ed. 2015/6

    Scarica »
  • Documenti

    Codice etico dell’ICOM per i Musei

    Scarica »
  • Documenti

    Accordo di collaborazione tra MiBACT e ICOM (2015)

    Scarica »
  • Documenti

    Accordo di collaborazione tra MiBACT e Associazione nazionale dei musei scientifici (2015)

    Scarica »
  • Documenti

    Raccomandazione UNESCO sulla protezione e promozione dei musei e delle collezioni (Parigi, 2015) – in inglese

    Scarica »
  • Documenti

    Convenzione UNESCO per la salvaguardia del patrimonio culturale immateriale (Parigi, 2003)

    Scarica »
  • Documenti

    Convenzione UNESCO sulla protezione e la promozione della diversità delle espressioni culturali (Parigi, 2005)

    Scarica »
  • Documenti

    Convenzione quadro del Consiglio d’Europa sul valore dell’eredità culturale per la società (Faro, 2005)

    Scarica »
  • Documenti

    Linee guida per la costituzione e la valorizzazione dei parchi archeologici (DM 18 aprile 2012)

    Scarica »
  • Documenti

    Atto di indirizzo sui criteri tecnico-scientifici e sugli standard di funzionamento e sviluppo dei musei (DM 10 maggio 2001)

    Scarica »